Venezia (VE) – Scuola Grande di Santa Maria della Carità

cur_polo_taramoto_02Venezia (VE) – Scuola Grande di Santa Maria della Carità [oggi Gallerie dell’Accademia]
Commemorazione di terremoto e di pestilenza
Terremoto/i di riferimento:  25 gennaio 1348

Testo: Nome de Dio eterno e d(e)la biada vergene Maria. In l’ano dela Incarnacion / del nostro Signor Miser Ie(su)m Cr(ist)o MCCCXLVII a dì XXV de çener, lo / dì dela co(n)versio(n) d(e) S(en) Polo cerca ora d(e) bespero fo gran taramoto i(n) Veniexia e q/uasi p(er) tuto el mo(n)do e caçè molte cime de canpanili e case e camini e la glesia de / Se(n) Baseio e fo sì gran spave(n)to che quaxi tuta la çe(n)te pensava d(e) morir e no st(e)te / la tera de tremar cerca dì XL e può driedo que[s]to come(n)çà una gran mortilitad(e) [si omette il seguito, consultabile qui] //

Traduzione: In nome di Dio eterno e della beata vergine Maria. Nell’anno 1347 [more veneto] dell’Incarnazione del nostro Signore messer Gesù Cristo, il 25 gennaio, festa della Conversione di san Paolo, verso l’ora del vespro ci fu un gran terremoto a Venezia e quasi dappertutto nel mondo; caddero le sommità di molti campanili, di case e di camini e la chiesa di San Basilio; fece tanta paura che quasi tutti credevano di morire; la terra continuò a tremare per circa 40 giorni; e finito questo cominciò una grande pestilenza…

Bib.: Alfredo Stussi (1997). La lingua. In: Storia di Venezia: dalle origini alla caduta della Serenissima, parte 3 (La formazione dello stato patrizio), cap. VI. Roma, Istituto della enciclopedia italiana, pp. 911-932.

Foto © VeneziaMuseo

cur_polo_taramoto_01Nota: L’iscrizione (cm 231 alla base e alta cm 99) occupa parte della lunetta soprastante una porta murata nel chiostro della Scuola Grande di Santa Maria della Carità.

Annunci