Cittadella (PD): Cattedrale

Cittadella (PD) – Cattedrale 
Commemorazione di scampato pericolo.
Terremoto/i di riferimento: 25 febbraio 1695
Testo: Anno XCV post XVI Redempt.[ioni]s saeculu.[m] / quinto kal.[endas] martias oriente sol / cum in homines rebellans natura / ingenti terrae motu / minaretur vel sub tecto sepulcr.[um] / servata Cittadellae Communitas / voti rea / divo apost[ulo] Paulo / semel quotannis eadem die / sacrum solemniter celebrari / in gratiarum actione pollicita / perpetuum hoc posuit monumentu[m]. //
Traduzione: All’alba del 25 febbraio 1695, mentre la natura ribellatasi agli uomini minacciava di trasformare le loro case in sepolcri, la comunità di Cittadella fu preservata ed avendo fatto voto al santo apostolo Paolo di celebrare solennemente le sacre funzioni lo stesso giorno di ogni anno in rendimento di grazie ha posto questo ricordo perpetuo.

Bib.: P. Miotto, Il ricordo del terremoto del 1695 in una lapide di Cittadella (PD), Blog «Storia dentro la memoria», 9 agosto 2015.

Note: Approfondimento sul terremoto del 25 febbraio 1695 qui.

Fotografia © Paolo Miotto.

Annunci

Bassano del Grappa (VI): Monastero di San Fortunato

San Fortunato BassanoBassano del Grappa (VI, Veneto) – Chiostro del monastero di San Fortunato.
Commemorazione di restauro a seguito di terremoto.
Terremoto/i di riferimento: 25 febbraio 1695

Testo: Ab ingenti / terremotu / XXV Febr[uarii] MDCXCV / redimitur /a[nno] MDCC //
Traduzione: Nell’anno 1700 viene riscattato dal grande terremoto del 25 febbraio 1695.

Bib.: Franco Signori, Origini e vicende del monastero benedettino di San Fortunato di Bassano, edizione a cura del Comitato di Quartiere di San Fortunato di Bassano del Grappa, 2000.
Note: Approfondimento sul terremoto del 25 febbraio 1695 qui.

Ringraziamo Paolo Sartori per la sua cortese segnalazione.