Grignano (PO) – Chiesa di San Pietro

Grignano (frazione di Prato, PO) – Chiesa di San Pietro.
Commemorazione di scampato pericolo.
Terremoto/i di riferimento: 18 maggio 1895, 6 giugno 1895, 7 agosto 1895
Testo: Giorno di lieta e indelebile memoria / sia per il popolo di Grignano / il XVI giugno MDCCCXCV / nel quale dopo CLXXXIV anni / veniva portato per mano sacerdotale / in solennissima processione di penitenza / per le contrade del paese / il veneratissimo e prodigioso simulacro / del CROCIFISSO / fra le preghiere e le lacrime / di un popolo immenso / rendente grazie per i tremendi flagelli / dalla divina clemenza a noi risparmiati / supplicante che l’ira divina si plachi / ai gemiti alle grida di un popolo / che invoca perdono e pietà. //

Trad: –
Bib.: -.
Note: La parola popolo è qui usata nell’antica accezione di parrocchia, con riferimento alla parrocchia di San Pietro a Grignano. Il Crocifisso  ricordato nell’epigrafe è una scultura lignea quattrocentesca che ogni cinque anni è al centro di una solenne festa di ringraziamento per lo scampato pericolo dai terremoti avvertiti nell’area tra il 18 maggio e il 7 agosto 1895.
Notizie sul terremoto del 18 maggio 1895 (Fiorentino) qui.

 

Fotografia archivio degli autori.

 

 
Annunci

Monterchi (AR) – Torre civica

monterchi_1917Monterchi (AR) – Torre civica.
Commemorazione di ricostruzione.
Terremoto/i di riferimento: 26 aprile 1917.
Testo: Torre civica ed arco della rocca / da forza tellurica abbattuti / per volere di popolo ricostruiti / a ricordo e glorificazione / dei 92 monterchiesi caduti / nella guerra 1915-18 / 12 settembre 1937 a[nno] XV [dell’era fascista] //
Trad.: .
Bib.:-.
Note: -.

Fotografia di Viviana Castelli.

Poggio a Caiano (PO) – Via Cancellieri 31.

poggiobonistallo Poggio a Caiano (PO) – Via Cancellieri 31.
Commemorazione di scampato pericolo.
Terremoto/i di riferimento: 18 maggio 1895.
Testo: Il popolo di Bonistallo / nel memorabile terremoto / del XVIII maggio MDCCCXCV / tra tante rovine / per divina misericordia illeso / il XXI luglio del medesimo anno / con voto unanime / pose questo ricordo / della fede e gratitudine sua //

Trad: –
Bib.: -.
Note: La parola popolo è qui usata nell’antica accezione di parrocchia, con riferimento alla parrocchia di San Francesco a Bonistallo (Frazione di Poggio a Caiano).
Notizie sul terremoto del 18 maggio 1895 qui.

 

Fotografia archivio degli autori.

 

 

Enigmatici ex voto

casale_1909_ex-votosanta-fiora_ex-voto-1909 Ubicazione ignota.
Offerte votive.
Terremoto/i di riferimento: 25 agosto 1909
Testo (I): Casale / per ringraziamento / 1909 //
Testo (II): Offre il popolo di / Santa 1909 Fiora //

Traduzione:  –
Bib.: BEWEB
Note: Ex voto polimaterici ricamati in seta su raso offerti dalle comunità di Casale (probabilmente Casale di Pari – GR) e Santa Fiora (GR) alla Vergine, come indica il Monogramma del Nome di Maria ricamato al centro di un motivo a lira con decorazioni floreali (ex voto di Casale) o inserito in un cuore in lamina d’argento (ex voto di Santa Fiora). Il carattere collettivo dell’offerta e la data suggeriscono un collegamento col terremoto del 25 agosto 1909 (Crete Senesi).

Bagni di Petriolo (Monticiano, SI) – Chiesa papale

Pari 1909Bagni di Petriolo (Monticiano, SI) – Chiesa papale.
Commemorazione di scampato pericolo.
Terremoto/i di riferimento: 25 agosto 1909
Testo: A Maria S.[anti]S.[sima] / per l’incolumità del / terremoto del 25 agosto 1909 / il popolo di Pari nell’anniversario / questa memoria posero. //
Traduzione:  –
Bib.: Gli amici dei Bagni di Petriolo, 26 luglio 2014.
Note: avvertimento ignoto al Database macrosismico italiano (DBMI15).

Ringraziamo l’associazione Amici dei Bagni di Petriolo per aver consentito la riproduzione della foto.

Firenze – Tabernacolo di Via Canacci

cam00082cam00081Firenze (FI) – Tabernacolo di Via Canacci.
Commemorazione di terremoto.
Terremoto/i di riferimento: 18 maggio 1895.
Testo: Ave Maria / (Ricordo /18 maggio 1895) / Requiem //

Trad: –
Bib.: Carmelitani Centro Italia, Convento San Paolino Firenze, 14 Marzo 2014.
Note: Il tabernacolo era stato installato in rendimento di grazie dopo l’epidemia di colera del 1894. Dopo il terremoto del 1895 vi fu murata sotto una targhetta marrmorea commemorativa. Le parole “Ricordo /18 maggio 1895″ sono racchiuse in un cartiglio cuoriforme di chiara valenza votiva.  
Notizie sul terremoto del 18 maggio 1895 qui.

Fotografie di Viviana Castelli.

Siena (SI) – Tabernacolo di Via Campansi

MAdonna del Tendi
Siena (SI) – Tabernacolo di Via Campansi.Scaler

Immagine ridipinta «a spese dei devoti» a seguito di terremoto.
Terremoto/i di riferimento: 26 maggio 1798.
Testo:-.
Traduzione:  -.
Bib.: A.F. Bandini, Diario senese (1798), Biblioteca comunale degli Intronati di Siena, ms. D.III.14, c. 113v;
A. Leoncini, I Tabernacoli di Siena, Siena, 1994.

Nota: Madonna col Bambino e santi (1798) del pittore perugino Antonio Castelletti. Dai documenti citati in Leoncini (1994) risulta che l’opera sostituì un’altra immagine andata distrutta nel terremoto del 28 maggio 1798. Il diarista Anton Francesco Bandini precisa che l’immagine fu fatta ridipingere dagli abitanti della zona (certo a titolo di ex voto per lo scampato pericolo) e inaugurata con una festa rionale l’11 agosto 1798: «11 agosto 1798 […] Festa alla Madonna del Tendi in Comollia [sic] ridipinta dal Castelletti. In quest’oggi è stata fatta festa alla Madonna della casa del maniscalco Tenti [sic] in prospettiva per andare alle Madri di Campansi, ed alla strada di Comollia [sic], e ciò fatto per essere stata la medesima Immagine ridipinta dal Castelletti a spese dei devoti della medesima circonvicini».

Breve descrizione del terremoto del 1798 nel blog INGV Terremoti.

Siena (SI) – Duomo

DuomoSiena (SI) – Duomo.
Commemorazione di restauri [probabile]
Terremoto/i di riferimento: 26 maggio 1798
Testo: […] Pannilini [?] / [….] restaurar [….] / 1[…] [?] //
Traduzione:  –
Bib.: –
Nota: Al centro del primo arco della navata centrale del Duomo (visibile dal ballatoio della controfacciata in occasione dell’iniziativa «La Porta del Cielo») c’è un cartiglio dipinto contenente una scritta che con ogni probabilità allude al restauro dell’edificio, curato dopo il terremoto del 1798 dall’allora Rettore dell’Opera del Duomo, Adriano Gori Pannilini.

Breve descrizione del terremoto del 1798 nel blog INGV Terremoti. 

Fotografia di Viviana Castelli.

Siena (SI) – Biblioteca Comunale degli Intronati (Sapienza)

SienaSapienza_1798Siena (SI) – Biblioteca Comunale degli Intronati (già Palazzo della Sapienza)
Commemorazione di restauri.
Terremoto/i di riferimento: 26 maggio 1798 

Testo: D[eo] O[ptimo] M[aximo] / Veterrimam aedem hanc informem et conlabentem / at pauperum levamen in summa frugum inopia / elegantius a fundamentis evectam anno MDCCLXVII / inde anno MDCCLXXII / Petro Leopoldo A[b] A[ustriae] M[agno] D[uce] Aetruria probante / Duplici ara pictura opere plastico ornatam / ab equite Antonio Bargagli rectore / demum / ab exitiali terraemotu anno MDCCXCVIII hinc illinc labefactatam / in integrum restituit / Ansanus Luti Metrop[olitanae] Eccles[iae] archipresb[yter] atque hujus regii athenaei / rector et praeses an[no] MDCCCIV //

Traduzione:  A Dio ottimo massimo. Questo antichissimo edificio ormai indecoroso e fatiscente, nell’anno 1767 fu ricostruito da cima a fondo in forme più eleganti  per dare lavoro ai poveri in un periodo di grandissima carestia. Poi nel 1772, col permesso di Pietro Leopoldo d’Austria granduca di Toscana, fu abbellito di un doppio altare con decorazioni pittoriche e a stucco dal cavalier Antonio Bargagli rettore. Danneggiato infine qua e là dal micidiale terremoto dell’anno 1798,  Ansano Luti, arciprete della cattedrale e rettore di questo regio ateneo l’ha restaurato nell’anno 1804. 

Bib.:  Cecchini, Il terremoto del 1798 e alcuni edifici monumentali senesi. Bullettino senese di storia patria, s. 3, II (1943), 1, pp. 10-22.
Nota: Breve descrizione del terremoto del 1798 nel blog INGV Terremoti.

Fotografia di Marina Gennari.